Home

La storia

Bepi Zac: Pioniere del Passo San Pellegrino

Una storia di passione per la Montagna e la voglia di condividerla

L’Hotel Miralago nasce dall’amore di Bepi Zac per la sua terra natìa. Fu un uomo amato e conosciuto in tutta la Val di Fassa e fin da piccolo mostrò grande passione per la montagna. Era solito recarsi da Soraga al Passo San Pellegrino per tagliare il fieno, ed è qui che si innamorò della Località Lago delle Pozze, “Miralago”. Nacque subito in lui la volontà di costruire proprio un rifugio in quel luogo che tanto l’aveva incantato.

Dopo essersi sposato con Maria, riuscì con non pochi sacrifici a realizzare il suo sogno e costruì il suo rifugio. Ebbe così inizio la sua avventura, segnata da tante fatiche e rinunce. Erano i primi anni 60, la luce e l’acqua non arrivavano ancora fino lì. In inverno, le difficoltà aumentavano, la neve cadeva copiosa e Bepi trascorreva il suo tempo a spalare per poter tenere il rifugio aperto.
La sua dedizione venne finalmente premiata con l’arrivo dei primi turisti a cui faceva da guida. Bepi era, infatti, una conosciuta guida alpina e un soccorritore alpino.

Dopo aver avviato il Rifugio Miralago, si concentrò sulla costruzione di un altro piccolo Rifugio al Passo delle Selle, un vero e proprio bivacco, base di partenza per una via attrezzata. Iniziò inoltre la ristrutturazione di un sentiero di montagna che porta il suo nome in ricordo: Via Ferrata Bepi Zac.
Bepi morì a soli 46 anni. Il rifugio, ristrutturato e trasformato in Hotel, è ora gestito con la stessa passione e calore nell’accogliere i suoi ospiti dal figlio Ivano e dalla moglie Carmen.

Richiesta informazioni